Educazione Civica Digitale

L’Europa e l’educazione digitale

Cos’è l’educazione digitale?

L’educazione digitale si pone come obiettivo quello di far sì che ciascuno di noi possa apprendere ogni strumento tecnologico e culturale necessario per vivere al meglio la trasformazione verso il digitale. 

L’obiettivo dell’educazione digitale è quello di renderci cittadini digitali consapevoli: navighiamo quotidianamente nella rete, leggiamo le informazioni che questa ci propone e a nostra volta produciamo informazioni, fruibili dagli altri. Siamo produttori e, allo stesso tempo, consumatori di informazioni.

L’educazione digitale si traduce, quindi, in una formazione al cambiamento tecnologico.

L’educazione digitale a livello europeo

L’educazione digitale rappresenta da almeno un decennio una delle tematiche sulle quali le politiche europee nel settore dell’istruzione hanno puntato maggiormente.

La Raccomandazione n. 2006/962/CE (Raccomandazione del Parlamento europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l’apprendimento permanente), nonché la Raccomandazione n. 2018/C189/01 (Raccomandazione del Consiglio del 22 maggio 2018 relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente) hanno inserito l’educazione digitale tra le competenze chiave per l’apprendimento permanente.

Il Piano d’azione della Commissione europea per l’istruzione digitale 2021-2027, ha sottolineato l’importanza dell’uso delle tecnologie digitali: non solo per l’apprendimento e l’insegnamento, ma anche per la qualità dei sistemi educativi europei, che diventeranno così più inclusivi. Anche nel terzo vertice europeo sull’istruzione, che si è tenuto a dicembre 2020, si sono discussi temi importanti correlati all’educazione digitale. 

Le competenze digitali fanno parte di quelle competenze “chiave”, così definite sia dal Parlamento sia dal Consiglio dell’UE. Come se la cavano, concretamente, i Paesi europei?

Lo studio della rete Eurydice del 2019

L’interesse per l’educazione digitale si è rafforzato a causa della pandemia. 

Il Digital Education at School in Europe, uno studio della rete Eurydice del 2019 sull’educazione digitale, è un punto fermo in questo momento di grande cambiamento. Lo studio della rete Eurydice offre una panoramica sullo stato dell’Educazione digitale in Europa, attraverso i dati di 43 sistemi educativi. 

I livelli di istruzione coperti dallo studio sono il livello primario e quello secondario (inferiore e superiore), e l’anno scolastico di riferimento è il 2018/2019. La ricerca ha utilizzato due diverse prospettive: lo sviluppo delle competenze digitali in alunni e personale della scuola, e l’utilizzo a fini pedagogici delle tecnologie digitali.

Il rapporto è suddiviso in quattro capitoli, che trattano, rispettivamente: sviluppo delle competenze digitali nei curricoli scolastici europei, competenze digitali specifiche degli insegnanti, valutazione delle competenze digitali degli studenti e uso delle tecnologie per le prove e la valutazione e strategie e politiche. 

Dallo studio, si evince che il 50% dei sistemi educativi europei ha un processo di riforma in corso nel settore dell’educazione digitale. L’indagine ha anche investigato sul supporto offerto alle scuole nell’ambito dell’educazione digitale: in 26 paesi, risultano essere presenti delle agenzie esterne (ossia, organi che forniscono alle scuole una serie di servizi, come lo sviluppo professionale continuo o la creazione di risorse digitali).

Lo sviluppo della competenza digitale è incluso nella maggior parte dei paesi a tutti i livelli di istruzione. A differenza di altre discipline scolastiche tradizionali, non viene solo considerato un argomento a sé stante, ma anche una competenza chiave trasversale. In circa due terzi dei sistemi educativi europei, le competenze digitali vengono riconosciute come competenze essenziali per gli insegnanti.

I risultati dello studio

Da questo studio, si evince che ogni paese europeo ha in atto politiche per l’educazione digitale. Tuttavia, per quanto siano diffuse delle strategie a livello scolastico in materia di educazione digitale, queste stesse raramente vengono monitorate e valutate e, nella maggior parte dei casi, non su base regolare. Le tematiche trattate dal rapporto offrono a politici, ricercatori e all’intera comunità informazioni sulle attuali politiche scolastiche di educazione digitale in Europa. I risultati principali dello studio sono interessanti per comprendere come i sistemi educativi europei affrontino il tema dell’educazione digitale. Nello studio ci sono informazioni e approfondimenti in merito ai curricula degli studenti europei, alle competenze degli insegnanti e alle strategie messe in atto dai vari paesi, per modernizzare e innovare i rispettivi sistemi di istruzione e formazione.

A cura di

Martina Nicelli


FONTI

CREDITS