Educazione Civica Digitale

Come si usa Snapchat: tutte le regole della netiquette

Snapchat è una piattaforma social per la messaggistica istantanea divenuta molto popolare negli ultimi anni. Sebbene tra gli adulti non sia molto conosciuta, ha invece riscosso molto successo nella fascia più giovane della popolazione, soprattutto grazie alla facilità e immediatezza nel suo utilizzo. Ma come si usa Snapchat e quali sono le linee guida per il suo utilizzo, la cosiddetta netiquette?

Qualche informazione sulla nascita di Snapchat

Snapchat nasce dalla mente di Even Spiegel, studente universitario statunitense. Gli venne l’idea di creare la piattaforma quando un suo amico, dopo avergli inviato un messaggio per errore, si era lamentato del fatto che quest’ultimo, dopo l’invio, non potesse essere cancellato. Nasce quindi il progetto di un social i cui messaggi sono destinati a scomparire. Nel 2011 viene alla luce Picaboo, il precursore di Snapchat. Tuttavia Picaboo non ottiene il successo sperato e nel 2012, dopo un restyling in cui si modifica anche il nome, viene creato il social così come lo conosciamo oggi.

Dalle ultime stime, esso viene utilizzato da circa sessanta milioni di utenti in tutto il mondo e ha un valore di ventidue miliardi di dollari. La particolarità di questa piattaforma di condivisione dei contenuti è che una volta inviati, i contenuti  si autodistruggono in un tempo massimo di dieci secondi. Nel caso, invece, di pubblicazione di storie, esse rimarranno online per ventiquattro ore. Inoltre, è presente all’interno dell’applicazione un’interessante funzione che permette di sapere se l’utente dall’altra parte della chat ha effettuato uno screenshot della chat.

Le community guidelines

Come tutte le altre piattaforme social, anche Snapchat segue delle linee per regolare i contenuti. Esse servono infatti per creare un ambiente sano al suo interno. Tra gli obiettivi che questa piattaforma di propone, il goal primario è di favorire la libera espressione del sé e l’empowering dell’individuo. Per fare ciò, Snapchat si propone di creare per l’utente un ambiente vibrante e stimolante, e nuovi modi di comunicare che siano, allo stesso tempo, divertenti e sicuri.

Per garantire la sicurezza di coloro che usano la piattaforma, Snapchat si riserva la possibilità di effettuare azioni di moderazione dei contenuti ritenuti inappropriati. Essa avviene attraverso la rimozione delle storie, l’invio di avviso o, nei casi di violazioni più gravi, attraverso la rimozione permanente dell’account dell’utente interessato. Per evitare di incorrere in una di queste spiacevoli situazioni, è bene sapere come si usa Snapchat e leggere a fondo le community guidelines. Queste ultime, infatti, regolano il comportamento dando delle indicazioni su cosa è possibile pubblicare sulla piattaforma interessata.

Il regolamento

Nello specifico, Snapchat va a proibire tutta una serie di comportamenti messi in atto dall’utente che potrebbero andare a compromettere il benessere della community.

Queste regole possono essere consultate sul sito ufficiale della piattaforma. Snapchat le introduce in questo modo:

“In Snap contribuiamo al progresso dell’umanità dotando le persone di strumenti che possano permettere loro di esprimersi, vivere il momento, scoprire il mondo e divertirsi insieme. Abbiamo stilato queste Linee guida della Community per perseguire il nostro obiettivo, incoraggiando gli utenti a esprimersi al meglio, assicurandoci al tempo stesso che gli Snapchatter possano usare i nostri servizi in maniera sicura ogni giorno.”

A questa introduzione seguono tutte le regole che gli utenti devono seguire.

In particolare, il focus è sulla proibizione di condividere contenuti di natura sessuale, in riferimento soprattutto alle immagini di carattere sessuale che coinvolgono minori. Un altro elemento su cui Snapchat pone particolarmente l’accento è la lotta contro il bullismo, che non viene tollerato all’interno della community. Atti di molestie e bullismo vengono proibiti, così come la divulgazione di immagini in luoghi privati, come ad esempio bagni e spogliatoi, scattate senza il consenso dell’interessato. Anche la violenza viene bandita all’interno della community. Contenuti violenti o che incitino alla violenza sono proibiti, così come anche quelli relativi alla violenza sugli animali.

Tra le azioni vietate, anche l’uso di identità false rubate, compresi brand e celebrities. Un altro tra i temi proibiti all’interno della piattaforma sono i messaggi di odio e di discriminazioni aventi come oggetto etnia, genere, orientamento sessuale, religione, disabilità o stato di veterano. Inoltre, anche la pubblicizzazione di contenuti illegali viene vietata. Infine, viene proibito ogni contenuto che inneggi o esorti al terrorismo.

L’utilità della netiquette

Quando si usa una piattaforma social, l’uso della netiquette risulta essenziale per garantire agli altri utenti la navigazione in totale tranquillità. L’obiettivo è la costruzione di un web più sicuro e inclusivo, in cui ognuno possa esprimersi liberamente, ma nel pieno rispetto dell’altro; in cui ognuno possa essere libero di esprimere se stesso senza avere il timore di essere attaccato dagli altri utenti.

 

A cura di

Miriam Salamone


FONTI:

CRESITS: